prog.1

poesie. Subito dopo si odia per ciò che ha fatto ne osserva la totale e infinita inutilità e le chiude in fondo ad un cassetto prima e poi dentro un armadio. Per anni le porte di quell’armadio sono le porte di un altro mondo che lui ogni tanto apre per frequentarlo per poco perché poi una strana forza lo fa ributtare nell’altro mondo. Il problema è che non sa più quale mondo odia di più: se quello di tutti i giorni, vuoto, privo di ogni etica, di ogni morale, di ogni romanticismo e ideale o quello delle sue poesie, il suo mondo interiore, quello immaginifico che promette il meglio ma poi non regge il confronto con l’altro mondo e lo fa stare addirittura peggio. È una dura lotta tra due grandi odi. La sua vita è un ripetersi infinito, un circolare e frequentare infinitamente un bivio. Fare qualche passo da una parte poi tornare indietro e fare qualche altro passo dall’altra parte per poi nuovamente tornare indietro e ricominciare da capo magari dopo una bella pausa in cui rimane fermo immobile a pensare a osservare a valutare a meditare a immaginare quale strada prendere una volta per tutte!!

Non sa come fare, non sa a chi rivolgersi non sa decidersi né come decidere. Le amicizie lentamente svaniscono, la famiglia non può e non riesce a dargli consigli. Le donne smette di ammirarle perché ancora una volta vogliono altro da lui, hanno i loro scopi e solo di quelli si occupano.

Quindi è solo. Gli unici interlocutori sono i libri, gli autori che con le loro parole e riflessioni lo aiutano a non impazzire del tutto. Ma loro sono pressoché tutti morti. E parlare con i morti seppure fertile ad un certo punto è spossante, incrina anche la fiducia più incrollabile del mondo.

Insomma è messo piuttosto male. Frequenta un po’ la natura, per sentirsi anche solo per un attimo in pace. Sono i suoi suoni, i suoi versi, i suoi rumori che lo calmano. E ogni tanto gli permettono di sentire, seppure molto flebile e lontana, una piccola e lieve ma profonda voce dentro di sé. Non riesce però a mettere a fuoco ciò che dice, non riesce a comprendere il significato e la forma delle sue parole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...