Perchè

La motivazione profonda che alimenta e sostiene le mie attività è legata alle parole Incontro, Sguardo/Visione, Riconoscimento.

Ciascun essere umano porta con sè doti, talenti, idee e iniziative.

Compie azioni, crea e lavora. Dà vita ad imprese. A famiglie. Ad associazioni delle più svariate tipologie. Si impegna cercando di raggiungere i propri obiettivi e molto spesso ci riesce. Porta a termine. E questo genera grandi soddisfazioni in sè e nelle persone che ha intorno e che hanno collaborato per completare l’opera.

Questa soddisfazione ciascuno la porta dentro di sè e rappresenta il fulcro, il cuore, uno dei sensi più determinanti delle nostre vite.

E soprattutto tutto questo ha un effetto che forse spesso viene sottovalutato se non taciuto: tutto questo ispira e motiva.

Ispira e motiva gli altri. Innescando così una spinta, una volontà, un desiderio profondo di agire a propria volta. Naturalmente ciascuno a proprio modo, con le proprie caratteristiche uniche ed irripetibili.

Si creano così associazioni di idee, innovazioni, continui possibili miglioramenti in ogni campo dello scibile umano.

E in questo modo si crea, si dà e si trasmette il senso della prospettiva, si disegna e si configura un orizzonte desiderabile e possibile da raggiungere.

Sono certo che tutto ciò sia di fondamentale e vitale importanza per le nostre vite. Da ogni punto di vista: personale, sociale, interiore, economico, psicologico, politico, scientifico.

La questione è allora incontrare queste dimensione di ispirazione e di motivazione. Creare le occasioni per allenare e acuire il più possibile il nostro sguardo e la nostra visione per imparare sempre di più e meglio a riconoscerle e dare loro il giusto valore.

Credo che però troppo spesso non vengano viste, prese in considerazione, valorizzate nel modo che meriterebbero e questo a mio modo di vedere intacca, influenza negativamente e depotenzia l’autostima, la sicurezza in se stessi, il senso di autoefficacia, l’empatia e la nostra visione del mondo.

O anche solo allontana la preziosa occasione di poter migliorare se stessi insieme agli altri.

Nonostante ciò che si può pensare l’essere umano ha un profondo e ben radicato bisogno di essere e sentirsi riconosciuto.

La vita è Relazione. Se ci nutriamo di Relazioni positive, costruttive, armoniche e creative possiamo realizzarci completamente.

Se le nostri doti vengono curate, sostenute e valorizzate potremo fare la medesima azione nei confronti degli altri creando così un grande e solido circolo virtuoso.

La vita è Narrazione. Ognuno di noi ha una Storia e ancor di più è una Storia. E le storie per definizione e natura devono essere raccontate.

Lo Storytelling, il VideoStorytelling, La Pedagogia Attiva, l’Arte Espressiva, la Scrittura Creativa e Poetica sono veicoli privilegiati per poter dare il mio contributo alla ricerca delle Storie affinchè siano Conosciute e Incontrate,Guardate e Ascoltate per poi tributar loro il nostro Riconoscimento.

Voglio testimoniare e raccontare tutto questo, affiancando chi vorrà fare un pezzo di strada insieme.

Voglio dar voce alla parte migliore delle idee, delle azioni, del lavoro delle persone.

Attraverso il mio lavoro voglio far emergere Connessioni tra ciò che pensiamo, ciò che diciamo, ciò che facciamo e con ciò che sentiamo.

In questo modo si creeranno Armonie, ottime Idee e Azioni Responsabili.

In questo modo si genereranno belle emozioni che svilupperanno e potenzieranno il benessere personale e quello sociale.