INCONTRO

Di quel parco i ricordi salgono su

fino a raggiungere il mio cuore

abbandonato al sapore speziato

di lunghi baci odore sacro di noi

travolto e scomparso ogni saggio intento

godo lascivo della marea di istanti

che impetuosi toccano le sponde

di me isola accecata da luce del sole

sciolto e dissolto sono trascinato

nel centro del vortice

turbinoso mi affaccio alla sfrenata

eruzione di vita che spontanea

trafigge cuore e respiro

ieri straniero

oggi stentoreo principe

vago per le stanze del maestoso castello

lei signora traccia la strada

seguo fidato ogni impronta

e poggiata la spada

termina la lotta

che in danza sensuale si tramuta

e tutta la notte testimone

nuoto nel profondo oceano

del suo mondo

per una notte

il mio regno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...